Rimani sempre aggiornato su tutti i video, iscriviti al canale!

MIGLIORARE la RETE WiFi e capire se il ROUTER è DA CAMBIARE?

Ho letto un sacco di commenti sotto il video, un po’ provocatorio, dove vi consigliavo di non comprare smartphone top gamma e di risparmiare quei soldi per investirli nel miglioramento della propria rete di casa. Iniziamo.

Innanzitutto, come capire se il modem che ci ha dato il gestore non va bene? Ci sono due parametri:

  1. Il primo è che se dobbiamo riavviarlo più spesso di una volta ogni 6 mesi c’è qualcosa che non va.
  2. il secondo parametro è la stabilità, quanto mi si disconnettono i dispositivi?

Cos’è un modem ? Il modem è quell’apparecchiatura che modula dati in arrivo ed interfaccia la nostra rete locale, fatta di qualsiasi cosa connessa alla nostra rete WiFi o alla rete ethernet e la interfaccia con l’esterno.

Cos’è Il router è quell’apparecchiatura che va a gestire tutti gli apparati di rete e si occupa di dargli un numero e di distribuire il traffico tra i vari apparati.

Tutti i modem dei gestori sono modem-router, ma esistono anche apparecchiature che sono solo modem o solo router. Ad esempio il FritzBox! 7590, che utilizzo io, è sia modem che router ma io non utilizzo la parte modem.

Come posso capire se devo ampliare la copertura WiFi?

La connessione cablata è importante per capire la velocità massima della vostra connessione internet. Dovete cablare il vostro pc e verificare la vostra velocità massima disponibile tramite uno speedtest. Dopo bisogna spostarsi nel punto più importante per voi nella casa ed effettuare uno speed test sotto rete WiFi e verificare la banda, se è simile non c’è alcun problema viceversa bisogna ampliare la rete. Se invece, anche con il cavo otteniamo dei risultati scarsi purtroppo ci sono pochi consigli da dare perchè anche cambiando il modem con qualcosa di più performante non si otterranno molti miglioramenti se non in termini di stabilità, in quel caso vi consiglio di provare a vedere se altri provider fanno meglio o se lo stesso offre una tecnologia superiore. Nel caso in cui la connessione cablata invece va bene si può intervenire per migliorare l’infrastruttura di rete e portare i buoni risultati ottenuti in tutte le zone di casa.

Grazie alla delibera “modem libero” potete restituire il modem (in caso questo sia a pagamento) e comprarne uno vostro che integri sia la funzione di modem che di router. I parametri di configurazione vi verranno forniti dal provider che vi fornisce la linea.

Se comprate un nuovo modem router dovete comprarlo mesh, cioè con la possibilità di andare a collegare degli access point per migliorare la copertura wireless. In media ogni tre pareti ci vuole un access point.

Un consiglio utile è: cablate il più possibile, soprattutto tra i piani perchè quasi tutti i router hanno una buona copertura orizzontale e meno verticale.

Powerline? Cosa sono? Beh, sono quei dispositivi che si collegano alle prese a muro e hanno, spesso, anche una uscita ethernet. Questi permettono di cablare tramite cavi elettrici. A me non hanno mai convinto, quelli da me provati non portavano tanta banda e soprattutto necessitano di un impianto elettrico moderno.

Anche se avete una connessione internet non performante con una rete locale molto solida riuscirete a gestirla al meglio ottenendo benefici pratici da non sottovalutare.

Se non avete capito nulla di quello che ho spiegato il mio consiglio è quello di investire un paio d’ore in un tecnico che possa venire da voi ed esaminare la situazione così da studiare delle configurazioni personalizzate. Secondo me non ne sarete delusi. Ribadisco, risparmiate un po’ comprando un telefono un po’ meno top gamma ed investite nella vostra infrastruttura di rete.