Recensione Apple Watch Ultra

Prendete un Apple Watch 8, pompatelo fino al limite ed otterrete questo Ultra! Cosa significa? Significa display più grande e luminoso, precisone GPS mai vista, nuovi materiali iper resistenti come lo zaffiro ed il titanio, possibilità di essere usato come computer da immersione e soprattutto.. autonomia decisamente maggiorata! Io l’ho già provato in diverse occasioni e ha risposto sempre benissimo ma quando arriverà l’app Ocean+ lo vedremo in azione sotto il livello del mare!

 

Iniziamo dalla prima differenza con Watch 8: dimensioni e materiali. Questo Ultra infatti è disponibile in una sola misura e cioè 49 millimetri di altezza, 44 di larghezza, 14,4 millimetri di spessore e 61,3 grammi di peso. Per quanto riguarda i materiali troviamo titanio per la cassa e vetro zaffiro piatto a protezione del display.

Un orologio destinato praticamente ad ogni tipo di sport non può che essere super resistente e lui lo è all’acqua fino a 100 metri anche se alle immersioni in realtà fino a 40 metri con tanto di certificazione EN13319, alla polvere con certificazione IP6X e ha superato i test militari MIL-STD 810H per altitudine, shock termici, immersione, congelamento, ghiaccio, pioggia gelata, urti e vibrazioni. La temperatura operativa al polso va da -20 a 55° e quella in immersione da 0 a 40°.

Il display è un OLED LTPO con funzione always-on e soprattutto luminosità che arriva a ben 2.000 nits, il doppio di Watch8 e posso confermarvi che rimane sempre estremamente visibile anche all’aperto.

I sensori sono parecchi, troviamo quello di indicazione della profondità, indispensabile per un computer da immersione dato che lui vuole essere anche quello, il sensore di temperatura dell’acqua, quello della nostra temperatura, la bussola, l’altimetro, il cardiofrequenzimetro ottico che invia notifiche in caso di frequenza cardiaca troppo alta o bassa ed il sensore dei livelli di ossigeno nel sangue.

Le funzioni software, eccezion fatta per l’app Ocean+ per le immersioni che arriverà in autunno, sono le stesse di Apple Watch 8, con la nuova bussola che permette di salvare delle posizioni per poi ritornarci (non sulla mappa, ma ci indica solo la direzione verso la quale andare), il rilevamento di frequenza cardiaca ed ossigeno e quello degli incedenti stradali oltre che le cadute come già faceva il 7.

Completa anche la parte cellular, con tanto di eSIM, microfono ed altoparlante per effettuare le chiamate in maniera indipendente dall’iPhone. A proposito di altoparlante questo Watch Ultra incorpora una sirena da 87 decibel che in caso di emergenza vi permetterà di essere uditi fino a oltre 100 metri di distanza.

A colpirmi sono state soprattutto l’elevatissima precisione del GPS e l’autonomia. Con l’utilizzo mio standard, quindi 30 minuti di GPS, altri 30 di chiamate e notifiche varie per tutta la giornata consuma il 35% al giorno, che con il risparmio energetico attivo diventano il 25%. Quest’ultimo funziona davvero molto bene perché blocca funzioni per gradi, eliminando prima quelle che usate meno quindi quasi non vi accorgerete di averlo attivato. Il monitoraggio di attività sportiva con GPS consuma il 5% ogni ora.

Si insomma, come avrete capito questo Watch Ultra mi è davvero piaciuto, l’ho trovato completo e finalmente con un’autonomia migliorata rispetto alla solita di tutti gli Apple Watch che non andava oltre il giorno pieno di utilizzo, adesso si riesce almeno a fare un weekend. Prezzo? Il prezzo è cresciuto di pari passo con le dimensioni dell’orologio e siamo arrivati a 1.009 euro nell’unica versione disponibile da 499 millimetri e con connettività cellular, ci riaggiorneremo quando arriverà l’app Ocean+ e potremo osservarlo in azione sotto il livello del mare!

Apple Watch Ultra GPS + Cellular, Cassa 49 mm in titanio con Cinturino Ocean colo...
Acquista ora su Amazon!
1009,00 €