Rimani sempre aggiornato su tutti i video, iscriviti al canale!

La TECNOLOGIA della F1. Dal VOLANTE al MOTORE RENAULT e-tech della ALPINE F1 Team

Devo davvero ringraziare Renault e Alpine F1 Team per l’opportunità che mi hanno dato. Ho passato tre giorni ai box, con meccanici, piloti e staff per carpire la tecnologia delle moderne auto da Formula 1. Non capita tutti i giorni di avere questa apertura e possibilità, spero di averla sfruttata al meglio e spero che questo video sia utile per capire meglio le sinergie tecnologiche tra mondo delle competizioni e mondo delle vetture di serie, sopratutto per quanto riguarda la tecnologia ibrida e-Tech. Perché le sinergie non sono a senso unico!

Partiamo subito dalla prima domanda che mi è venuta in mente una volta arrivato ai famosi box di Formula 1: come fanno i pit-stop ad essere così veloci? Curiosità, un pit-stop perfetto si capisce dal rumore, perché le pistole devono essere sincronizzate, il suono deve sembrare uno solo e durare meno di 2 secondi. La velocità ovviamente si acquisisce, oltre che con l’attrezzatura giusta, con l’allenamento e le prove, come fosse una danza.

La power unit è costituita da un motore termico turbo da 1.600 cm³ e oltre 1.000 CV e da due motori elettrici alimentati dalla rigenerazione in frenata e dallo scambio termico sfruttando il calore che passa dallo scarico e trasformandolo in elettricità. Questo recupero di energia rende i motori molto più efficienti che in passato e permette ai piloti di fare rifornimento meno frequentemente.

Ho avuto la fortuna di poter intervistare Fernando Alonso, pilota Alpine, e alla domanda qual è stata l’innovazione tecnologica che più ti ha colpito in F1 la risposta è stata l’arrivo del motore ibrido, proprio perché ha introdotto un’efficienza che prima era impensabile.

Un elemento importantissimo della vettura ed affascinante da osservare è il volante, con un incredibile serie di pulsanti e funzioni, da quelle più tecniche come i settaggi del controllo di trazione per arrivare fino alla spia che ricorda al pilota di bere.

La fibra di carbonio qui regna sovrana e non solo è il materiale di cui è composta la carrozzeria ma viene scelto in diversi tipi e lavorazioni in base alle necessità di ogni punto esatto di carrozzeria.

Persino l’olio motore della vettura viene estratto ed analizzato alla ricerca di possibili metalli, operazione utile per capire se ci sono frizioni eccessive su cui lavorare all’interno della meccanica.

Potervi raccontare dall’interno la tecnologia di questo team di Formula 1 è stata un’esperienza ed un’emozione incredibile e come accennavo prima la cosa bella è anche essere riuscito ad intervistare campioni come Alonso ed Ocon ma non solo, vedrete anche alcuni responsabili del team. Le tecnologie più segrete, ovviamente, rimarranno tali, ed è giusto così!