Rimani sempre aggiornato su tutti i video, iscriviti al canale!

Recensione DJI MAVIC MINI

Un drone che ha tantissimo senso. Pesa meno di 250 grammi (249 per l’esattezza) e in base al nuovo regolamento europeo sui droni da luglio potrà volare praticamente ovunque senza bisogno di autorizzazioni (tranne nelle aree dov’è espressamente vietato). Fa video decisamente buoni per il prezzo, ha un gimbal stabilizzato a tre assi e ha un’autonomia di volo di circa 30 minuti. Il tutto a 399 euro! Cosa volere di più?

In confezione troviamo la cavetteria per collegarlo con dispositivi iOS o Android, il copri gimbal, le eliche di ricambio.

La portata del WiFi è di circa 120 metri in altezza e può allontanarsi per circa 600 metri, siamo lontani dai 2 chilometri dichiarati da DJI.

Uno dei suoi punti di forza è l’autonomia che permettte di volare per circa 30 minuti, l’avviso del ritorno automatico viene attivato con qualche minuto di anticipo per evitare qualsiasi problema.

Con poco vento la ripresa è parecchio stabile e riesce tranquillamente a mantenere la sua posizione.

Ci sono delle modalità speciali di registrazione, che permettono di creare particolari registrazioni: non sono molte e purtroppo manca la modalità con inseguimento, magari arriverà con qualche aggiornamento.

Purtroppo mancano anche i sensori di anti collisione e bisognerà stare più attenti, in ogni caso può usare le camere per capire se c’è qualcosa sotto di lui. C’è da dire che è un drone che va pilotato a vista, quindi i sensori possono esser sacrificati se si guida il drone con attenzione. Il mio consiglio è quello di attivare la DJI Care che vi permette di stare decisamente tranquilli in caso di incidenti.

La velocità massima è di circa 10 m/s, la velocità ascensionale in modalità Sport è di 4 m/s, in discesa è invece di 3 m/s. In modalità Cine Smooth invece si rallentano tutti i movimenti, diventa tutto più fluido per riprese cinematografiche.

L’applicazione vi permette di editare i video con dei preset integrati e di capire se vi trovate in una zone dove non è possibile volare con il drone e vi suggerisce anche le zone in cui è consigliato farlo volare, il vantaggio di avere un peso così contenuto è quello di poterlo usare praticamente ovunque (salvo zone dove espressamente vietato).

In realtà, la normativa prevede che, fino al 30 giugno 2020, si possa volare fino a 200m di raggio e 70m di altezza. Successivamente rientrerà nella categoria C0 che gli permetterà di volare ovunque (con 120 metri di altezza massima), anche se ci sono persone o centri urbani, tranne se espressamente vietato.

Per pesare solo 249 grammi ha delle prestazioni incredibili, è inoltre molto più comodo da portare perchè è anche compatto ed è sicuramente più sicuro in caso di incidenti.

Non è certamente una versione Pro ma è sicuramente alta la qualità in relazione al prezzo. C’è un filo di rumore nelle riprese e l’applicazione va ancora affinata, nulla di rilevante e siamo comunque ancora ad una versione beta. Le premesse sono sicuramente ottime e potrò finalmente volare ovunque, mi manca solo la Fly More Combo che mi permette di avere tre batterie.

 

PREZZO DJI UFFICIALE
DJI CARE (indispensabile)